6 novembre 2020 – LC Padova San Pelagio – WEBINAR SU LE SOCIETA’ BENEFIT

6 novembre 2020 – LC Padova San Pelagio – WEBINAR SU LE SOCIETA’ BENEFIT

15 Novembre 2020 1 Di Lionsadmin
06.11.2020 WEBINAR LIONS CLUB PADOVA SAN PELAGIO
LE SOCIETA’ BENEFIT: FOCUS SULL’IMPRESA SOSTENIBILE IN ITALIA
Incrementare gli utili e realizzare progetti a beneficio comune
E’ questa la formula che farà delle SB le aziende del futuro
La Società Benefit (SB) è una nuova forma giuridica di impresa che ha nel proprio Statuto aziendale, oltre agli obbiettivi di profitto, l’impegno a dedicare una parte delle risorse a interventi concreti a beneficio comune.
A questa importante novità, che porta nella realtà imprenditoriale una valenza sociale, è stato dedicato il webinar che il Lions Club Padova San Pelagio ha organizzato il 6 novembre 2020, in collaborazione e con il patrocinio scientifico della Scuola di Notariato del Triveneto e dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti, con il patrocinio morale del Comune di Padova.
La SB – spiega nel suo intervento il sen. Roberto Cociancich – avvocato di diritto societario e consulente governativo sulle tematiche collegate allo sviluppo sostenibile – mira a produrre il maggior risultato economico possibile, come deve fare ogni azienda, ma ne destina una parte (il 20-30%) ad attività benefit, mirando anche qui a raggiungere il miglior risultato possibile. Cresce in questo modo la reputazione del marchio, e questo nel tempo fa crescere anche il profitto. L’impatto nella sfera economico-giuridica dei beneficiati deve essere concreto, trasparente e misurabile, chiarisce Cociancich. Le SB sono tenute per legge a fornire annualmente una Relazione di Impatto, che illustri i risultati conseguiti e gli impegni presi per il futuro.
“Le Benefit Corporation sono nate negli USA nel 2010. L’Italia è stata il secondo Paese al mondo, primo in Europa, a dotarsi di una normativa specifica per le SB, entrata in vigore nel gennaio 2016”. Lo spiega l’on. Mauro Del Barba, Presidente di AssoBenefit e primo firmatario del disegno di legge “Benefit”, “una legge – dice – “che fa dell’Italia un’apripista, e che è stata già imitata da molti Paesi in Europa e nel mondo”.
Le SB – dice Del Barba – sono candidate a sostituire l’impresa tradizionale, perché ormai la logica del profitto come unica finalità, magari a costo di scelte dannose per la collettività e l’ambiente, non è più accettabile e va sostituita secondo un modello di sviluppo economico sostenibile. E le SB vanno esattamente in questa direzione!”
“Una comunità (e con essa il suo sistema economico) è in buona salute quando tutti insieme ci si preoccupa del bene comune cioè salute, ambiente, qualità della vita, che sono i temi cari ai Lions” dice Roberto Adami, ragioniere commercialista e presidente del LC Padova San Pelagio. “Quest’anno – aggiunge – il Tema di Studio dei Lions italiani riguarda l’ambiente e lo sviluppo sostenibile. Questo incontro, per la specificità del tema trattato e la qualità dei relatori, è sicuramente un forte contributo al dibattito”
Dopo i saluti istituzionali del governatore TA3 Terenzio Zanini e dell’assessore alle Attività produttive del Comune di Padova Antonio Bressa, Massimo Carbonaro Beccaria, dottore commercialista e segretario del LC San Pelagio, che ha curato e moderato il convegno, ha evidenziato il valore innovativo ed etico, prima ancora che economico-giuridico, delle Società Benefit. Segnano -ha detto- un passaggio epocale dalla tradizionale concezione statica e meramente conservativa dell’utilità sociale, come citata nell’art. 41 Cost., a quella dinamica di promozione e realizzazione dei valori in essa sottesi.
Il notaio Marco Silva, responsabile scientifico della Scuola di Notariato del Triveneto e componente della Commissione Studi Societari del Triveneto, si è soffermato sugli adempimenti civilistici e societari richiesti per l’assunzione della qualifica di SB. Le società già costituite in forma ordinaria per diventare Benefit devono integrare il loro oggetto sociale con le specifiche finalità di beneficio comune che intendono perseguire.
Bruno Dei, dottore commercialista e docente aggregato dell’Università di Firenze, ha messo l’accento sul credito di imposta del 50% sulle spese sostenute dalle Società che chiedono di diventare SB entro il 31.12.2020: E’ un incentivo -ha detto- che il legislatore ha previsto per incentivare l’adozione del nuovo tipo sociale. Dei ha ribadito gli obblighi di trasparenza richiesti alle SB, tenute ad allegare ogni anno al bilancio di esercizio la Relazione d’impatto, una sorta di rendiconto “sociale” di quanto è stato fatto durante l’anno per raggiungere gli obiettivi di beneficio comune.
Attilio Gastaldello, lion, avvocato, sindaco di San Giovanni Lupatoto (VR), ha illustrato, sulla base della sua esperienza politica, l’utilità delle Società partecipate comunali, cioè con quote possedute dagli Enti locali, uno strumento -ha detto- frutto di accordo consensuale fra Comuni, dal quale si può recedere, che permette di fornire a Comuni sotto i 60mila abitanti un servizio più efficiente e più economico. La Società di vendita gas e luce locale serve il suo Comune ed altri 12 del territorio. Il servizio è attento alle esigenze degli abitanti -ha sottolineato- gli utili ci sono e lo Statuto prevedere che i benefit abbiano una ricaduta sul territorio.
A conclusione Michele Marchetto, dirigente e Conservatore del Registro Imprese presso la Camera di Commercio di Vicenza, dal proprio osservatorio privilegiato ha dato conto della diffusione delle SB, che sono oggi in Italia 513, quasi tutte Srl, di cui 181 in Lombardia, per la maggior parte impegnate in attività professionali, scientifiche e tecniche.
Rita Cardaioli Testa
#lionsTa3Comunicare