DISTRETTO 108 TA3: CONOSCERE LA SORDITA’, “Primo incontro formativo”

DISTRETTO 108 TA3: CONOSCERE LA SORDITA’, “Primo incontro formativo”

23 novembre 2016 0 Di

Lo scorso 12 ottobre si è tenuto al Magarotto di Padova (istituto statale di istruzione specializzata per sordi) il primo incontro formativo del service “Conoscere la Sordità” coordinato dalla prof. Arianna Caccaro.
Alla presenza di un numeroso pubblico tra cui docenti, logopedisti, operatori e molti genitori di bambini sordi, i relatori Francesca Peressotti e Eduardo Navarrete della facoltà di Psicologia dell’Università di Padova (dipartimento psicologia dello sviluppo e socializzazione), hanno illustrato somiglianze e divergenze tra la lingua orale e quella dei segni.
La lingua orale -hanno spiegato i relatori- si basa su espressione vocale e riconoscimento uditivo. Quella dei segni invece si esprime attraverso i gesti e viene decodificata con la vista. Le più recenti ricerche dimostrano che lingua orale e lingua segnata sono comunque decodificate attraverso gli stessi meccanismi cerebrali. La conclusione è che la funzione linguistica è unica e condivisa tra le lingue, indipendentemente dalla modalità di espressione, orale o segnata.
La lingua dei segni, è stato detto inoltre, può codificare caratteristiche spaziali e temporali, di azione e di movimento in misura maggiore rispetto alla lingua parlata. Diversi studi comportamentali con sordi nativi della lingua italiana e bilingui bimodali (italiano-lingua dei segni italiana) suggeriscono che l’iconicità è una variabile rilevante per la produzione linguistica nelle lingue segnate.

Condividi con noi: