MESTRE CASTELVECCHIO: incontro con Gabriele Sabatosanti, Direttore Internazionale

MESTRE CASTELVECCHIO: incontro con Gabriele Sabatosanti, Direttore Internazionale

20 novembre 2016 0 Di

Il coraggio di sognare. parliamo del futuro dei lions con Gabriele Sabatosanti Scarpelli, Direttore Internazionale
Una importante e attesa occasione d’incontro con il Direttore Internazionale Gabriele Sabatosanti Scarpelli ha visto riuniti a Mestre, Giovedì 3 Novembre 2016, numerosi soci della 2° Circoscrizione, zone C e D, del Distretto 108Ta3.
Di sicuro richiamo il tema proposto, suggestivo anche nella sua sintesi “il coraggio di sognare”. Nel corso della conversazione è infatti emerso con forza l’invito a proiettarsi in un nuovo futuro del lionismo, che sarà reso possibile se tutti i soci con coraggio sapranno favorire il necessario cambiamento.
Evidenziando il rovesciamento di obiettivi che oggi connota la nostra presenza nella società rispetto al passato (non più centralità del socio ma centralità del servizio), il Direttore Sabatosanti ha delineato la direzione da seguire per migliorare la crescita associativa, stimolare la motivazione a servire, amplificare le nostre capacità d’intervento mediante sinergie sul territorio, comunicare in maniera efficace la visione del nostro agire.
L’invito è quello di abbandonare, dove ancora resistono, i criteri di autoreferenzialità, scarsa autocritica, diffidenza nell’operare in gruppo, per imboccare la via del lavoro di squadra, della delega, dotandosi di strutture non più verticistiche ma orizzontali. Il verticismo è chiaramente un freno allo sviluppo, ha indicato il Direttore, mentre nella trasversalità di ruoli e competenze si accresce la progettualità, la volontà di realizzare e gestire, la partecipazione attiva di un maggior numero di soci disposti a tradurre in service il proprio tempo e la propria professionalità.
Ma capacità e competenze non bastano a significare il nostro impegno se non sono sostenute dall’orgoglio di essere Lions, dal desiderio di suscitare e accrescere l’entusiasmo dei soci meno attivi e l’interesse di potenziali nuovi soci. Sappiamo bene quanto sia preoccupante nella nostra organizzazione la progressiva contrazione della base associativa. L’attrattiva è molto diminuita nelle fasce d’età sotto i 50 anni e per favorire l’ingresso dei più giovani si impone un cambiamento di approccio nel modo di progettare i nostri service e di realizzarli, nel modo di collegarci alla società civile e ai bisogni che in essa emergono. Perché i giovani sono sempre più orientati all’impegno sul campo e desiderosi di testimoniare direttamente la solidarietà, amano “fare” più che “dare”, applicarsi su obiettivi concreti e viverne la realizzazione.
Il Direttore Sabatosanti ha aiutato i presenti a visualizzare le possibili vie da seguire all’interno della programmazione dei Club, a partire da fondamentali criteri utili a indurre cambiamenti nel saper gestire i nostri progetti, i nostri fondi, le nostre realizzazioni. Tra questi criteri, meritano particolare attenzione: impegnarsi in service di ampio respiro da realizzare in un arco temporale superiore all’anno sociale; sviluppare grandi service possibilmente di rilevanza nazionale per dare testimonianze di sicura visibilità; creare interfacciadiretta con le amministrazioni e con le strutture pubbliche per progettare e sviluppare service secondo il principio della sussidiarietà nei confronti di istituzioni e enti locali; promuovere raccolte fondi per sostenere nostre iniziative dirette e per sostenere e potenziare i grandi service avviati da organismi Lions che già da lungo tempo ci qualificano; rinunciare a costruire strutture o raccogliere fondi da donare ad altre associazioni o organismi caritatevoli; far vedere efficacemente al mondo che cosa il lionismo fa.
Un vero cambiamento nel modo di SERVIRE può prevedere fasi molto articolate e approcci molto innovativi nell’individuare azioni coerenti con le più pressanti esigenze della nostra comunità. Sarà questa la via per indurre altri ad unirsi alla nostra associazione, ha concluso il Direttore Sabatosanti, consapevoli che nel mondo lionistico potranno esprimere quella forma di impegno solidaristico cui molti oggi tendono.
Nel dibattito seguito alla conversazione sono emersi quesiti, considerazioni, riflessioni sugli indirizzi ricevuti, unitamente all’impegno ad approfondire possibilità, opportunità, resistenze, ostacoli, al fine di accompagnare nel miglior modo possibile, ciascuno nella rispettiva realtà di Club e territoriale, la strada verso il cambiamento.
Marina Canal
Lions Club Mestre Castelvecchio

S3a

Condividi con noi: